I Consigli di Michel Robert – Il cavallo nella mano

Possiamo ottenere di avere il cavallo nella mano solo con calma, pazienza e comprensione, più spesso con le mani basse e inizialmente anche un po’ distanti tra di loro affinché possiamo mantenere l’elasticità delle braccia. Con le mani leggere, le gambe che scendono morbide verso il basso e i muscoli rilassati, il cavallo si sente ‘inquadrato’ con dolcezza.

Il cavallo nella mano è fiducioso e dolcemente appoggiato sul ferro; segue le mani del cavaliere affidandosi a lui, mentre le mani del cavaliere a loro volta seguono la bocca del cavallo con un delicato e leggero contatto. Questo contatto è permanente in tutte le situazioni, per girare, rallentare, fermarsi. Le mani ‘fanno parte della bocca del cavallo’, perciò dobbiamo imparare ad avanzare con le mani il più possibile verso la bocca. Questa è una regola fondamentale che vale sempre.

Michel Robert